Un evento imperdibile Domenica 26 Maggio al Planetario di Milano, con la composizione Entrainment di Ferdinando Arnò.

In occasione del Wired Next Fest 2019 24 - 26 Maggio, Il compositore Ferdinando Arnò presenta una composizione trascendentale e interattiva di 50 minuti. Archi, voci, chitarre ed elettronica danno vita a un mantra pagano, moderno e trascinante.

Alla fine del Seicento l’astronomo e fisico olandese Christian Huygens rilevò un fenomeno che prese il nome di Entrainment: due orologi a pendolo con un moto oscillatorio diverso, se messi l’uno accanto all’altro, troveranno presto lo stesso ritmo di oscillazione e si sincronizzeranno, raggiungendo una vibrazione comune.
La sincronicità è uno dei principi fondanti del mondo naturale come rivelano le teorie della fisica quantistica: ogni cosa nell'universo è costituita da particelle o onde, che vibrano come archi a frequenze diverse. Dalle cellule del nostro corpo alle onde luminose e sonore che risuonano nel cosmo. All'interno di questi fenomeni vibratori, le particelle risonanti comunicano e si influenzano a vicenda.
Anche se non possiamo percepirlo con il nostro udito, le stelle del cielo generano un concerto che non si ferma mai. Le stelle più grandi producono suoni bassi e profondi, mentre le piccole hanno “voci” acute. E anche a distanza di trilioni di chilometri dalla Terra, vibrano proprio come uno strumento musicale (la vibrazione è chiamata starquake). Nel corso degli anni gli studiosi della Nasa sono riusciti a intercettare i frammenti di suono e a ricostruire qualcosa che assomigliasse a una melodia.

Entrainment, la composizione di Ferdinando Arnò è un flusso musicale e meditativo che annulla le barriere tra artista e pubblico, sintonizzando entrambi sulle stesse frequenze, in un universo di compartecipazione. Chi esegue e chi ascolta diventano fonte unica di un mantra onirico.

L’obiettivo è utilizzare la musica per entrare in sync con le persone vicine e con tutto ciò che ci circonda.


Due orologi a pendolo, se messi l’uno accanto all’altro, troveranno presto lo stesso ritmo di oscillazione. Alla fine del Seicento l’astronomo e fisico Christian Huygens rilevò questo fenomeno che prese il nome di Entrainment.

È questo il tema della performance che prenderà forma al Civico Planetario Ulrico Hoepli di Milano, e inserita nel programma del Wired Next Fest di quest’anno.

L’ensemble comprende violoncello, voci e chitarre elettriche che si fondono con elementi elettronici. La lettura poetica di Georgeanne Kalweit si adagerà sopra questa texture che prenderà varie forme e influenze musicali. Un mantra pagano e moderno, emotivo e trascinante.

La performance sarà introdotta dall’astrofico Fabio Peri che approfondirà il tema delle risonanze in fisica e nella meccanica celeste.


Ableton, il software più utilizzato nell'elettronica e da sempre attento alle avanguardie sonore è sponsor dell'evento.
-

Evento prodotto da quiet, please!
In collaborazione con Wired Next Fest, Ableton e SILENTSYSTEM.

FERDINANDO ARNÒ
ENTRAINMENT - A SONIC MEDITATION
WIRED NEXT FEST @
CIVICO PLANETARIO
ULRICO HOEPLI
CORSO VENEZIA 57, MILANO
26 MAY 2019 11:45 AM

FERDINANDO ARNÒ
\IN-ˈTRĀN-MƏNT\


TO ADJUST AN INTERNAL
RHYTHM OF AN ORGANISM SO
THAT IT SYNCHRONIZES WITH
AN EXTERNAL CYCLE
PAULINE OLIVEROS
TUNING MEDITATION
A VOCAL PIECE THAT FORMS A
BOND OF COMMUNITY TROUGH
SOUNDS PERFORMED BY THE
CONCERT’S ATTENDEES


NEXT.WIRED.IT
QUIETPLEASE.NET

 
  

Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per fornire servizi in linea con le tue preferenze. Se prosegui con la navigazione accetti di ricevere i cookie. Altre info. Accetto!