Durante il NAMM2019, MOTU ha annunciato la nuova release di DP10 il loro software punto di riferimento per l’audio. Questa nuova versione racchiude molte interessanti novità come le Clip, l’Audio Stretch e VCA faders, ma non solo VST3 plug-in support, scalable UI e 5 GB soundbank contenenti centinaia di strumenti virtuali.

“Questo nuovo upgrade vuole soddisfare sia i nuovi utilizzatori che gli attuali” dice Jim Cooper,  direttore del marketing MOTU

Clip

Gli utenti possono ora trascinare e rilasciare clip audio e MIDI dal nuovo Content Browser di DP nella finestra Clip, con la possibilità di attivarle in tempo reale e gestirle in modo interattivo, questo sia per esibizioni dal vivo, che durante il lavoro in studio, come ispirazione per creare nuovo materiale. Gli utenti possono anche attivare gruppi di clip multitraccia (una riga parziale di celle) o l'intera riga (clip su tutte le tracce). L'esclusiva coda di clip di DP consente agli utenti di impilare sequenze di clip in anticipo,senza dover attivare manualmente ciascuno di essi. Le clip possono essere aggiunte e rimosse sia dal proprio computer o da qualsiasi controller MIDI.


Stretch Audio e Beat Detection 2.0
Il nuovo livello di modifica Stretch per le tracce audio consente agli utenti di trascinare singoli battiti e i loro punti di ancoraggio per effettuare regolazioni precise al fine di ottenere il timing che desiderano. Per il controllo globale del tempo, è possibile abilitare la modalità Stretch su una sull'intera traccia audio e questa si adatta immediatamente al tempo del progetto.

Fader VCA

Come con le console analogiche degli anni passati, i fader VCA di DP10 possono controllare qualsiasi numero di tracce, mantenendo precisamente il loro volume relativo. Gli utenti possono creare tutti i gruppi VCA che desiderano e persino controllare i VCA con altri VCA per creare più sottogruppi nidificati.

DP10 include, inoltre, una libreria da 5 GB di strumenti acustici multi-campione, synth, loop e frasi con oltre 300 diversi strumenti, 1100 preset e 500 loop. Inclusi strumenti acustici, drum kit, pianoforti, chitarre e bassi, insieme a organi, archi,ottoni, fiati, synth, strumenti etnici, cori, voci, percussioni, effetti sonori e altro ancora. Grazie a questa versatile collezione di strumenti potete abbracciare generi musicali, epoche, regioni geografiche e stili.


Ma non solo Digital Performer si rinnova anche per garantirvi una migliore esperienza d'uso: gli schermi di computer ad alta risoluzione di oggi hanno pixel molto piccoli, rendendo le cose minuscole e difficili da vedere, in DP10, ora gli utenti possono semplicemente premere command-plus e command-minus (control-plus e controlminus su Windows) per ridimensionare l'intera UI per ottenere il grado di chiarezza perfetto per il loro occhio. Anche l'editor di forme d'onda di DP10 è stato completamente ridisegnato per offrire un dispositivo all-in-one ottimizzato per la modifica della forma d'onda.

Scopri tutte le funzioni nello specifico nel minisito di MOTU: http://www.motu.com/products/software/dp/

NAMM 2019: MOTU annuncia il nuovissimo DP10! NAMM 2019: MOTU annuncia il nuovissimo DP10!
NAMM 2019: MOTU annuncia il nuovissimo DP10! NAMM 2019: MOTU annuncia il nuovissimo DP10!
 
  

Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per fornire servizi in linea con le tue preferenze. Se prosegui con la navigazione accetti di ricevere i cookie. Altre info. Accetto!